Paracadute Ue per l’Italia. Bce compra Btp. Ecco chi comanda: Trichet, Merkel, Sarkozy

7 Agosto 2011, di Redazione Wall Street Italia

Francoforte – Poche ore al momento della verità. Gli occhi del mondo sono puntati sulle Borse europee, dopo quelle asiatiche. In una domenica di consultazioni febbrili si sono tenute conference-call dei ministri delle Finanze dell’area G7 e G20 e una riunione straordinaria del consiglio direttivo della Bce, che a tarda serata ha annunciato il via libera all’acquisto di titoli di Stato italiani: «Risponderemo in modo deciso sui mercati» spiega la nota, l’istituto centrale «interverrà implementando in modo attivo il suo programma sui titoli di mercato (Securities Markets Programme)». (vedere comunicato integrale della Bce a fondo pagina).

In una domenica d’agosto trasformata in una giornata di febbrili contatti fra governi e banche centrali, il consiglio direttivo della Bce doveva decidere se varcare il Rubicone, muovendosi in modo aggressivo per calmare un mercato dei titoli di stato dei paesi “deboli” economicamente politicamente che rischia di vedere prezzi decrescenti e tassi paurosamente in salita. Il btp Italia a 10 anni ha chiuso venerdi’ al 6,08% e il bonos a 10 anni della Spagna al 6,03%.

Nella mattinata il presidente Jean Claude Trichet aveva ammonito di volere una decisione chiara e di tipo “politico” dal consiglio direttivo. Dopo la richiesta formale fatta al governo italiano e accolta in meno di 24 ore dall’esecutivo di Roma, di anticipare il pareggio di bilancio di un anno dal 2014 al 2013, il quadro era cambiato rispetto alle perplessità espresse da alcuni componenti del board nei giorni scorsi. Anche la Spagna ha annunciato misure aggiuntive da approvare entro un mese chiedendo in cambio alla Bce di fare il suo dovere per calmare i mercati.

L’implicita smentita dell’acquisto di titoli di stato di Italia e Spagna fatta da Trichet giovedì scorso aveva causato un vero tracollo degli spread dei due paesi oltre quota 400 punti, arginato solo in parte dall’intervento individuale delle banche centrali di Roma e Madrid. Per questo e anche per il taglio del rating degli Stati Uniti da parte di S&P annuncoato venersi’ notte, da più parti nell’Eurozona si era invocata la conference call della Bce, iniziata verso le 18, dopo quella del G20 e prima di quella del G7. “I membri del Gruppo dei Sette hanno raggiunto un accordo per iniettare liquidita’ sui mercati finanziari a seconda delle necessita’”, ha detto a Tokyo il ministro delle Finanze del Giappone Yoshihiko Noda (testo integrale comunicato G7 sotto).

In serata è arrivata poi la nota congiunta di Francia e Germania che apprezza le misure varate da Italia (e dalla Spagna) chiedendone però, con toni appena velati dalle forme diplomatiche, un’attuazione rapida e piena come condizione per ristabilire la fiducia dei mercati dando così un sostanziale via libera all’Eurotower. Via libera arrivato in tarda serata.

La mossa di Sarkozy e della Merkel arriva dopo che il governo italiano aveva annunciato l’anticipo di un anno dell’obiettivo del pareggio di bilancio che la manovra poneva al 2014 mentre la Spagna ha oggi assicurato che entro un mese l’esecutivo approverà nuove misure per rafforzare la riduzione del deficit. Le misure del governo Berlusconi sono state accolte con favore da Francia e Germania le quali pongono l’accento soprattutto su «l’obiettivo del governo italiano di arrivare al pareggio di bilancio con un anno di anticipo il quale è di una importanza fondamentale». Ora, invocano, serve però «un’attuazione rapida e completa delle misure annunciate è essenziale per restituire la fiducia dei mercati».

Francia e Germania ribadiscono poi il loro impegno per la piena attuazione dell’accordo del 21 luglio per il salvataggio della Grecia e chiedono un rafforzamento del fondo salva stati Efsf. L’azione del fondo, compreso l’acquisto di titoli di stato, dovrà basarsi sul consenso degli stati membri e sull’analisi della Bce che dovrà avvisare dell’esistenza di una situazione eccezionale e di possibili rischi per la zona euro. Ora la parola passa ai mercati.

************************

Il presidente della Banca Centrale Europea, Jean Claude Trichet, vuole che il Consiglio direttivo dell’organismo finanziario prenda in giornata la decisione sull’acquisto dei titoli di Stato italiani. Lo ha detto una fonte della Bce. Se si decidera’ di intervenire, ha spiegato la fonte, la Bce e le banche centrali cominceranno l’acquisto di obbligazioni in apertura dei mercati lunedi’ mattina. Non e’ chiaro se la riunione del direttivo, prevista per la serata, si concludera’ con una dichiarazione.

Il G20 ha tenuto questa mattina una conference call sulla crisi del debito in Europa e il taglio del rating Usa da parte di Standard&Poor’s. Lo ha reso noto il viceministro delle Finanze sudcoreano, Choi Jong-Ku, che non ha voluto fornire maggiori dettagli sulle consultazioni. (fonte Afp)

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (Bce) si riunirà oggi alle 18 italiane, sulla scia del downgrade del debito Usa e tra i crescenti timori che Italia e Spagna vengano colpite seriamente dalla crisi del debito. Lo riferisce l’agenzia Dow Jones. (fonte Afp).

L’agenzia di rating Standard & Poor’s, che ha declassato il debito Usa, non si attende “una reazione clamorosa” dai mercati, perche’ era una decisione attesa: lo ha detto il suo rappresentante in Europa, Jean-Michel Six. “I mercati se lo attendevano, non credo ci sara’ una reazione clamorosa” lunedi’ mattina in apertura dei mercati, ha detto all’emittente francese France Info.

***************

Statement by the President of the ECB

1. The Governing Council of the European Central Bank (ECB) welcomes the announcements made by the governments of Italy and Spain concerning new measures and reforms in the areas of fiscal and structural policies. The Governing Council considers a decisive and swift implementation by both governments as essential in order to substantially enhance the competitiveness and flexibility of their economies, and to rapidly reduce public deficits.

2. The Governing Council underlines the importance of the commitment of all Heads of State or Government to adhere strictly to the agreed fiscal targets, as reaffirmed at the euro area summit of 21 July 2011. A key element is also the enhancement of the growth potential of the economy.

3. The Governing Council considers essential the prompt implementation of all the decisions taken at the euro area summit. In this perspective, the Governing Council welcomes the joint commitment expressed by Germany and France today.

4. The Governing Council attaches decisive importance to the declaration of the Heads of State or Government of the euro area in the inflexible determination to fully honour their own individual sovereign signature as a key element in ensuring financial stability in the euro area as a whole.

5. It equally considers fundamental that governments stand ready to activate the European Financial Stability Facility (EFSF) in the secondary market, on the basis of an ECB analysis recognising the existence of exceptional financial market circumstances and risks to financial stability, once the EFSF is operational.

6. It is on the basis of the above assessments that the ECB will actively implement its Securities Markets Programme. This programme has been designed to help restoring a better transmission of our monetary policy decisions – taking account of dysfunctional market segments – and therefore to ensure price stability in the euro area.

***************

Following is the full text of a joint statement issued on Sunday by German Chancellor Angela Merkel and French President Nicolas Sarkozy on measures to tackle the euro zone debt crisis:

President Sarkozy and Chancellor Merkel reiterate their commitment to fully implement the decisions taken by the heads of state and government of the euro area and the EU institutions on July 21st 2011.

In particular, they stress the importance that parliamentary approval will be obtained swiftly by the end of September in their two countries.

They welcome the recent measures announced by Italy and Spain with regard to faster fiscal consolidation and improved competitiveness. Especially the Italian authorities’ goal to achieve a balanced budget a year earlier than previously envisaged is of fundamental importance. They stress that complete and speedy implementation of the announced measures is key to restore market confidence.

As decided on July 21st, the effectiveness of the EFSF will be improved and its flexibility increased linked to appropriate conditionality, in particular through the following instruments: precautionary program, finance recapitalization of financial institutions and to intervene in secondary markets on the basis of an ECB analysis recognizing the existence of exceptional financial market circumstances and risks to financial stability and on the basis of a decision by mutual agreement of the member states, in order to avoid contagion.

*******

Statement released via e-mail today by finance ministers and central bankers from the Group of Seven industrial nations:

“In the face of renewed strains on financial markets, we,
the Finance Ministers and Central Bank Governors of the G-7,
affirm our commitment to take all necessary measures to support
financial stability and growth in a spirit of close cooperation
and confidence.
“We are committed to addressing the tensions stemming from
the current challenges on our fiscal deficits, debt and growth,
and welcome the decisive actions taken in the US and Europe. The
US has adopted reforms that will deliver substantial deficit
reduction over the medium term. In Europe, the Euro area Summit
decided on July 21 a comprehensive package to tackle the
situation in Greece and other countries facing financial
tensions, notably through the flexibilisation of the EFSF. We
are now focused on the quick and full implementation of the
agreements achieved. We welcome the statement of France and
Germany to that effect. We also welcome the statement of the
Governing Council of the ECB.
“We are committed to taking coordinated action where
needed, to ensuring liquidity, and to supporting financial
market functioning, financial stability and economic growth.
“These actions, together with continuing fiscal discipline
efforts will enable long-term fiscal sustainability. No change
in fundamentals warrants the recent financial tensions faced by
Spain and Italy. We welcome the additional policy measures
announced by Italy and Spain to strengthen fiscal discipline and
underpin the recovery in economic activity and job creation. The
Euro Area Leaders have stated clearly that the involvement of
the private sector in Greece is an extraordinary measure due to
unique circumstances that will not be applied to any other
member states of the euro area.
“We reaffirmed our shared interest in a strong and stable
international financial system, and our support for market-
determined exchange rates. Excess volatility and disorderly
movements in exchange rates have adverse implications for
economic and financial stability. We will consult closely in
regard to actions in exchange markets and will cooperate as
appropriate.
“We will remain in close contact throughout the coming
weeks and cooperate as appropriate, ready to take action to
ensure stability and liquidity in financial markets.”