Mercati

Ottimo interscambio commerciale Italia-Svizzera

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Va a gonfie vele l’interscambio commerciale tra Italia e Svizzera. Nei primi sei mesi del 2006, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, l’export italiano è aumentato del 15 per cento toccando i 5 miliardi e 862 milioni di euro. Le importazioni sono invece aumentate del 4,53 per cento per un valore di poco superiore ai 5 miliardi di euro. Una tendenza iniziata nel 2005 e che si va rafforzando. Lo comunica la Camera di Commercio Italiana in Svizzera. I prodotti che esportiamo di più sono i chimico-farmaceutici che hanno registrato un incremento del 27,15 per cento; il tessile e l’abbigliamento (+6,59 per cento); le macchine industriali, agricole e per uso domestico (+10.,57 per cento). Attualmente siamo il secondo partner commerciale di questo Paese dopo Germania e prima della Francia.
I prodotti chimico-farmaceutici sono anche al primo posto nella classifica delle nostre importazioni. In Svizzera, anche grazie alla vicinanza geografica ed alla presenza 500.000 italiani residenti, il gusto italiano ed il “made in Italy” sono molto apprezzati.
Quindi molti prodotti di casa nostra, specie se ricercati e di nicchia, possano trovare importanti possibilità di sbocco soprattutto nel settore agro-alimentare, vinicolo, dell’abbigliamento e degli articoli in pelle, dell’arredo, della gioielleria e dei veicoli di fascia medio-alta o esclusiva. Molto importante è il turismo. L’Italia infatti è la seconda metà preferita dagli svizzeri dopo la Francia.