OPA FONDIARIA: SAI ATTACCA LA CONSOB

12 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

La societa’ di assicurazione Sai ha respinto ”in toto”, con un comunicato, la decisione dell’organo di vigilanza Consob riguardo all’esistenza di un patto parasociale con Mediobanca, anche in forma non scritta, per l’acquisto di azioni Fondiaria, rigettando quindi l’ipotesi dell’azione ”di concerto” e ritenendola senza fondamento.

La Sai ha ripetuto quanto gia’ sostenuto in una dichiarazione ufficiale da Mediobanca, e cioe’ che non esiste alcun patto con nessuno degli azionisti della compagnia assicurativa fiorentina.

La societa’ del gruppo Ligresti – obbligata dalla Consob a lanciare un’Opa sulla totalita’ delle azioni Fondiaria – ha annunciato in una nota che presentera’ ”nel termine previsto le proprie deduzioni”.

E’ ovvio che la decisione a sorpresa della Consob (di venerdi’), e la presa di posizione della Sai di oggi, sono i prodromi di una battaglia legale che si preannuncia accesa.

In pieno agosto, nonostante le vacanze, gli azionisti (i pochi di maggioranza e migliaia di minoranza) vivono con una certa ansia questa guerra, costellata al momento dall’assoluta incertezza sull’esito e soprattutto sull’andamento dei titoli in borsa.

La Consob, guidata da Luigi Spaventa, secondo le leggi e i regolamenti dovrebbe sospendere i titoli coinvolti, lunedi’ mattina all’apertura delle contrattazioni a Piazza Affari.

La Sai, secondo fonti milanesi, presentera’ certamente un ricorso al Tar. La battaglia legale non e’ che alle prime mosse. Sono attese inoltre le delibere in merito dell’organo di controllo del settore assicurativo, l’Isvap.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


SAI-FONDIARIA: CONSOB, CI VUOLE L’OPA