Omnia Network: Cda, richiesta proroga Sipi su aumento “inaccettabile”

5 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Con riferimento all’aumento del capitale sociale per un importo massimo di nominali Euro 10 milioni, deliberato dal Consiglio di Amministrazione di Omnia Network S.p.A. lo scorso 9 febbraio 2010 e riservato a S.I.P.I. – Società Italiana di Partecipazioni e Investimenti S.r.l. (“SIPI”), il Consiglio di Amministrazione di Omnia Network si è riunito in data odierna per deliberare in merito alla richiesta da parte di SIPI di proroga fino al prossimo 16 marzo del termine fissato dal Consiglio di Amministrazione per il pagamento e la sottoscrizione del suddetto aumento di capitale. Il Consiglio di Amministrazione di Omnia Network, si legge in una nota, ha ritenuto che la suddetta richiesta di proroga sia totalmente ingiustificata ed inaccettabile, anche alla luce della lettera di garanzia ricevuta dall’istituzione finanziaria Gulf Finance & Investment Company (“GFIC”) in data 8 settembre 2009 ed attestante la disponibilità da parte dei propri Clienti-Investitori della somma di Euro 12 milioni vincolata all’esecuzione dell’aumento di capitale della Società. Di conseguenza, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di intimare sia a SIPI sia a GFIC l’adempimento, entro il termine di tre giorni, degli obblighi rispettivamente assunti ed ha incaricato i legali di Omnia Network di verificare i più adeguati ed efficaci strumenti di tutela della Società nel caso di persistente inadempimento da parte di SIPI e GFIC.