Oggi al Politecnico di Milano conferenza Finanza ed innovazione

4 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Si svolge oggi alle 17.00, presso il Politecnico di Milano, Campus Leonardo, in aula S.01 “De Donato”, il convegno “Finanza ed innovazione: un connubio possibile”, organizzato da Finance Channel con il supporto e la collaborazione del Dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano, dell’Acceleratore d’Impresa del Politecnico di Milano, della Fondazione Politecnico di Milano, di Finlombarda, di UK Trade & Investment e del Consolato Generale Britannico a Milano, di MIP e AlumniMIP e di Labyring e il patrocinio di Regione Lombardia. L’evento, gratuito ed aperto al pubblico, è occasione di approfondimento delle tematiche legate al modello PPI (Public-Private Initiative) come possibile soluzione alle esigenze di finanziamento delle imprese innovative e ad alto contenuto tecnologico di innovazione. E’ noto, infatti, che le imprese innovative, start-up e non solo, incontrano spesso difficoltà nel reperire risorse per la crescita, in virtù della loro rischiosità, dell’intangibilità dei loro asset, della difficoltà di comprensione da parte di non specialisti dei prodotti/mercati e, spesso, del ritorno sull’investimento che si realizza in un periodo più lungo di quello tipico dei fondi di investimento. Intervengono: Marco Giorgino, Ordinario di Finanza Aziendale, Politecnico di Milano e MIP School of Management, Giampio Bracchi, Presidente della Fondazione Politecnico di Milano, Marco Nicolai, Direttore Generale di Finlombarda, Dean Wallis di Thames Valley Capital, ospite di UK Trade & Investment e Umberto Malesci, Presidente e co-fondatore Fluidmesh Networks. Modererà Francesco Guidara, Capo Redattore di Class CNBC. E’ noto che le imprese innovative, start-up e non solo, incontrano spesso difficoltà nel reperire risorse per la crescita, in virtù della loro rischiosità, dell’intangibilità dei loro asset, della difficoltà di comprensione da parte di non specialisti dei prodotti/mercati e, spesso, del ritorno sull’investimento che si realizza in un periodo più lungo di quello tipico dei fondi di investimento.