OCCUPAZIONE USA: DATO ECCEZIONALMENTE BUONO

5 Novembre 2004, di Redazione Wall Street Italia

Nel mese di ottobre l’occupazione nel settore non agricolo negli Stati Uniti e’ cresciuta di 337.000 unita’.

Lo ha reso noto il Dipartimento del Lavoro.

Il dato si e’ rivelato nettamente migliore delle attese di mercato. Gli analisti si aspettavano in media un incremento di 175.000 posti.

Si tratta del maggiore aumento dal mese di marzo. I dati relativi ad agosto e settembre sono stati rivisti al rialzo per un numero complessivo di 115,000 unita’.

Il tasso di disoccupazione e’ salito al 5.5%, al di sopra del 5.4% stimato dagli analisti.

Il dato odierno è appunto molto superiore alle previsioni degli economisti, che puntavano su una crescita di 175mila posti. Il risultato è stato trainato dal ‘boom’ della spesa per le costruzioni, dopo i danni provocati dagli uragani, che conseguentemente ha trainato l’ andamento dell’ occupazione.

Il tasso di disoccupazione peraltro sempre ad ottobre è salito al 5,5% dal precedente 5,4%, ma in questo caso si tratta di una contraddizione apparente, in quanto il peggioramento del rapporto fra disoccupati e forza lavoro è dovuto al fatto che molte persone sono tornate ad iscriversi nelli liste di coloro che cercano un posto.

In passato, invece, molti soggetti, avendo ormai perso la speranza di trovare un impiego, erano usciti dall’ ambito delle forze lavorative. Al tempo stesso sono stati rivisti al rialzo anche i dati relativi ai posti di lavoro creati a settembre, che sono adesso 139mila, vale a dire 43mila in più.