OBIETTIVO RAGGIUNTO, CHIUDE LEFT WING

30 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 30 apr – “Quella che si sta aprendo non è solo la fase costituente di un nuovo partito, ma la fase costituente di un intero sistema politico. E questo è innanzi tutto un fatto culturale, che chiama in campo nuove idee, nuovi strumenti di elaborazione e organizzazione delle forze, nuovi intellettuali e nuovi gruppi dirigenti. Ci sembra dunque il momento opportuno, dopo tanto tempo passato a perorare la causa di un simile processo di rigenerazione della politica, per prenderci una vacanza. Cosa sarà il futuro Partito democratico e chi lo guiderà lo decideranno, finalmente, coloro che a quel partito si iscriveranno, partecipando alla sua fase costituente. Non lo decideranno i giornali. E nemmeno i siti internet, ovviamente”. Così, dopo quattro anni, il settimanale digitale Left Wing – laboratorio politico ante-litteram del Partito democratico, considerato vicino alle posizioni di Massimo D’Alema – annuncia la sospensione delle pubblicazioni. “Quello che avevamo da dire quando abbiamo cominciato, sulla sinistra e sull’Italia, lo abbiamo detto in questi anni: con l’apertura della fase costituente del Partito democratico si chiude la Seconda Repubblica, l’Italia esce finalmente dagli anni Novanta. Questo almeno è l’esito che ci auguriamo e la ragione per cui abbiamo sostenuto il progetto di un partito riformista Ds-Margherita sin dalla sua prima proposta”.