NUOVI MASSIMI CON UN FRENO ALL’EUFORIA

9 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) – Ottava positiva. Il movimento di recupero iniziato dai minimi del 5 febbraio sta dando nuovi segnali positivi, dopo le incertezze della settimana precedente. Il superamento dei massimi toccati una decina di sedute orsono fornisce un segnale importante di ripresa dell’azionario, confermato anche dal calo della volatilità implicita.

Il recupero dai minimi del 5 febbraio ha riportato il Nasdaq Composite sui picchi dell’11 gennaio, marginalmente superati (nuovo massimo 2327,03; +83,8% dai minimi del 9 marzo 2009 a 1265,52). Un consolidamento sopra 2265/75 consentirebbe di ipotizzare l’inizio di una fase di rinnovata positività per le prossime settimane, con primo obiettivo importante 2415 ed estensioni verso la resistenza chiave a 2500, che dovrebbe comunque arrestare la salita per molti mesi a venire. Un segnale di perdita di spinta si avrebbe sotto 2250, ma il tono si indebolirebbe nuovamente solo alla rottura del supporto in area 2200/20 (al momento poco probabile), con obiettivo 2140 e quindi i minimi in area 2100/10.

Sul Dow Jones Industrial, il superamento di 10400 e l’assestamento sopra tale livello hanno fornito un primo segnale positivo. Al di sopra della forte resistenza in area 10500/600 (in fase di test) si avrebbe poi un segnale convincente di ripresa degli acquisti. L’obiettivo in tal caso sarebbero i massimi del 19 gennaio a 10730, con possibili estensioni verso la resistenza chiave a 11000, dove dovrebbero comunque prevalere le vendite. Perdita di spinta sotto 10300: la rottura di 10100/200 (poco probabile) darebbe invece un segnale di rinnovata debolezza.

Il superamento di 1105 per lo S&P500 e l’assestamento sopra tale resistenza hanno fornito un primo segnale positivo. Al di sopra della forte resistenza a 1130 si ripropone ora il test dei massimi a 1150, sopra cui la salita potrebbe estendersi verso la resistenza chiave a 1200, che dovrebbe bloccare il rialzo del mercato per molti mesi. Perdita di spinta sotto 1105 e rinnovata debolezza su discese sotto 1080/85 (al momento poco probabile), con obiettivo 1065 e quindi il supporto critico in area 1020/40, la cui tenuta è essenziale per mantenere una buona impostazione per i prossimi mesi.

Una prosecuzione del rally nelle prossime settimane verso gli obiettivi indicati va considerato, in ottica tattica, come un’occasione per provvedere ad un alleggerimento dell’esposizione azionaria. Anche se al momento sembra tornato il sereno sui mercati, non si possono ancora escludere nuovi colpi di coda ribassisti. Un primo campanello di allarme scatterebbe tuttavia solo su risalite della volatilità implicita, qualora il Vix (ora a ridosso di 17-18) si riportasse sopra 21-22,75 (al momento poco probabile). Insomma, godiamoci il rimbalzo, senza farci prendere troppo dall’entusiasmo, pesando bene rischi e opportunità.

Copyright © Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved.

*Questo documento e’ stato preparato da Maurizio Milano, resp. Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.