NUOVI IPO: TAMBURI DEBUTTA IN BORSA CON IL TURBO

10 Novembre 2005, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Destini opposti per Tamburi Investments Partners e Caleffi, le due matricole dell’Expandi che ieri hanno debuttato a Piazza Affari. Per Tip la giornata è stata davvero positiva: il titolo ha chiuso con un balzo del 12,50% a 2,02 euro dopo avere toccato un massimo a 2,15 euro. Del resto, l’accoglienza del mercato per l’investment bank di Giovanni Tamburi è stata calda fin da subito: in sede di Ipo sono stati richiesti oltre 172 milioni di titoli contro i 50 milioni offerti, una domanda che ha permesso di collocare Tip nella parte alta della forchetta (a 1,8 euro).

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

«Siamo estremamente soddisfatti dall’esito della quotazione – commenta l’amministratore delegato Giovanni Tamburi – Il rialzo di ieri testimonia sia le potenzialità del titolo sia la qualità del management». Ora i 90 milioni raccolti in sede di Ipo saranno utilizzati dalla merchant bank per nuovi investimenti, in primis l’acquisizione di una quota del 20% in Secondtip, società attiva sul mercato secondario del private equity.

Decisamente meno esaltante, invece, l’esordio di Caleffi che ha chiuso la seduta in calo dell’ 2,43% a 2,73 euro. Non è dunque bastato un collocamento nella parte bassa del range (a 2,80 euro) per stimolare gli investitori che pur avevano sottoscritto l’Ipo con buona partecipazione (4,3 milioni di quote richieste contro un’offerta di 1,1 milioni). «L’ingresso all’Expandi segna una tappa fondamentale nel percorso di crescita della società – puntualizza l’amministratore delegato Guido Ferretti – Nel 2005 contiamo di chiudere il bilancio con risultati significativamente superiori a quelli del 2004. E con un pay-out del 50%». Le risorse raccolte dal collocamento, (circa 8 milioni di euro) verranno invece impiegate per nuove acquisizioni in Italia e all’estero.

Copyright © Bloomberg – Finanza&Mercati per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved