Nuova Zelanda: perdita di petrolio da una nave cargo al largo della costa

7 Ottobre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Una nave cargo da 47 mila tonnellate si e’ incagliata al largo della costa della Nuova Zelanda e rischia ora di provocare il peggiore disastro ambientale della storia del paese.

Lo riferisce SBS News citando il primo ministro Nick Smith secondo cui “l’imbarcazione Rena al largo dell’Isola del Nord rischia di causare il maggiore disastro ambientale marittimo da decenni”.

La perdita di carburante sta avvenendo nella grande baia di Plenty. La nave cargo di 263 metri ha colpito una scogliera al largo della costa di Tauranga mercoledi’ e ha gia’ creato una macchia nera di petrolio di cinque chilometri che ha provocato la morte di diverse specie marine, secondo quanto riferito dal ministro dei trasporti neozelandese Stephen Joyce, citato da Al Jazeera.

Secondo Joyce non sara’ facile evitare un disastro ambientale. “Non e’ in buone condizioni. Anche se per il momento non c’e’ molto petrolio che si e’ riversato nelle acque, la perdita e’ significativa”.

“Il problema e’ se la nave dovesse spezzarsi in due e a questo punto e’ difficile immaginare che riesca a liberarsi dalla scogliera intera”.