Nuova indagine globale di SiSense: aumenta il salario ma diminuiscono le risorse per i professi

8 Agosto 2012, di Redazione Wall Street Italia

SiSense Inc., uno dei leader per l’analisi di grandi quantità di dati e l’Intelligenza aziendale (BI, Business Intelligence), ha pubblicato oggi i risultati di una nuova indagine sui salari che offre informazioni sulle tendenze delle retribuzioni a livello mondiale. A causa dell’incombente penuria di scienziati dell’informazione, le aziende di tutto il mondo si stanno ponendo il problema di come sfruttare al meglio i dati informatici. I risultati dell’indagine sui professionisti dell’informazione sono basati sulle risposte di oltre 400 professionisti da Nord America, Sud America, Europa, Africa e Asia raccolti on-line nel luglio 2012. I risultati dell’indagine sono disponibili per il download qui. L’indagine di SiSense ha rilevato che i salari per i professionisti dell’informazione sono in aumento in tutte le geografie. Gli stipendi annuali dei professionisti dell’informazione possono variare da una media di 55.000 dollari per gli Analisti programmatori, a una media di 132.000 dollari per i Vicepresidenti dei Dipartimenti informatici. Il 61% delle persone che hanno risposto all’indagine hanno riportato stipendi maggiori nel 2012 rispetto al 2011, e solo il 12% ha riportato stipendi minori. Mentre la gran parte dei partecipanti (78%) prevede stipendi ancora più elevati nel 2013, quasi la metà (47%) ha espresso preoccupazioni sulla stabilità del lavoro. L’indagine indica che i professionisti dell’informazione sono soprattutto uomini: 85%. Allo stesso tempo i risultati mostrano una maggiore uguaglianza fra i generi in questa professione rispetto alle altre. Mentre i dati OCSE mostrano che in media in tutte le professioni gli uomini guadagnano il 15% in più rispetto alle donne, l’indagine SiSense mostra che le donne in questo settore guadagnano praticamente lo stesso stipendio o uno stipendio maggiore rispetto a quello degli uomini. Tra gli altri punti salienti evidenziati dall’indagine: I professionisti dell’informazione hanno un elevato livello di studi in ambito universitario: l’85% dei partecipanti ha almeno un titolo universitario, il 39% una laurea e il 5% un dottorato. Chi detiene un dottorato guadagna in media il 65% in più rispetto a chi ha solo una laurea, e questi ultimi, a loro volta, guadagnano il 16% in più rispetto a chi ha solo una laurea breve. L’esperienza lavorativa è ancora più importante del livello educativo per quanto riguarda i livelli salariali. In media, i professionisti con almeno 10 anni di esperienza guadagnano l’80% rispetto a quelli con un massimo di 3 anni di esperienza. L’indagine mostra in contemporanea che il 59% della forza lavoro in questo settore ha un massimo di 6 anni di esperienza. Bruno Aziza, Vicepresidente di SiSense per il Marketing, ha commentato questo risultato affermando: “il settore dei professionisti dell’informazione necessita di un profilo di carriera più formale. Sembra che molti professionisti escano dal settore dopo circa 6 anni, avanzando verso nuove opportunità. Se non formalizziamo le carriere di questo settore in modo più attivo, il successo di queste professioni continuerà a rimanere basso e le statistiche potrebbero evolversi più lentamente rispetto a quelle di altri settori”. La gran parte dei professionisti dell’informazione lavora in team fino a un massimo di 5 persone. “Le aziende stanno iniziando a capire che i dati informatici sono fondamentali per il successo. Eppure la gran parte delle aziende non sta facendo crescere i propri team informatici in modo sufficientemente veloce da avere successo. Forse ciò è dovuto alla mancanza di volontà o alla impossibilità. Si tratta di una tendenza allarmante e solo il software potrà riuscire a salvarci”, ha fatto notare Aziza. I risultati dell’indagine sono disponibili per il download all’indirizzo http://bit.ly/datahero Informazioni su SiSense SiSense costituisce il modo più veloce per passare dai dati alla comprensione degli stessi. SiSense offre soluzioni end-to-end di Intelligenza aziendale che permettono agli utenti senza esperienza tecnica di trasformare valanghe di dati in informazioni processabili nel giro di ore, invece che di di giorni. Si possono ottenere analisi specifiche senza dover preparare complessi sistemi di data warehouse, cubi OLAP o programmazioni. SiSense permette alle organizzazioni di tutte le dimensioni di comprendere i dati: dalle multinazionali, come Target e Merck, fino alle aziende in fase di avvio e alle piccole e medie imprese come WeFi. La versione trial gratuita del software è disponibile per il download all’indirizzo http://www.sisense.com/live-demo.aspx Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

SiSenseLeron Kornreich, 415-937-1724Direttore [email protected]