“Non vi preoccupate, siate felici”, la propaganda dei media

4 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Tutti siamo consapevoli che i media statali e non independenti in America sono il megafono di una propaganda sponsorizzata a suon di slogan che tendono a dare rassicurazioni anche in periodo di crisi.”Non vi preoccupate, siate felici”.

Una compilation di alcuni spezzoni dei notiziari regionali più ascoltati nel Paese (vedi i due video sotto) dà bene l’idea di quanto questa propaganda sia feroce nella sua ingenuità. Gli anchorman americani tendono a ripetere le stesse identiche frasi. Che sono poi ritornelli del genere “va tutto bene”.

Anni fa, ovviamente, c’era chi aveva previsto tutto.

“Una dittatura delle grandi aziende, resa possibile dalle tecnologie avanzate e dalla conseguente messa in rovina delle piccole imprese è controllata dallo Stato, che è gestito da una piccola élite di leader di partito e soldati, polizioni e funzionari pubblici che dispensano ordini”.

“In una democrazia capitalistica come gli Stati Uniti, è controllata da quello che il professore C. Wright Mills ha dfinito la ‘élite del potere”.

“La forza lavora di fabbriche, uffici e negozi è controllata da questo gruppo di persone che presta loro i soldi in modo che possano consumare e attraverso il predominio dei media di comunicazione di massa, influenza virtualmente le menti, i sentimenti e le azioni di tutti”.

Firmato Aldous Huxley, Brave New World, 1958.