Non e’ festa per tutti: e la speculazione attacca le banche

8 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

La borsa sale, ma il mercato piu’ attento che guarda alla sostanza vigila con la massima attenzione. A Piazza Affari tra i titoli principali balzi di quasi il 10% per Fondiaria Sai e Banco Popolare e rialzi sostenuti per Bpm, Unicredit, Intesa Sanpaolo e Generali, ma guarda caso in parallelo a Wall Street i CDS (credit default swaps) delle tre maggiori banche italiane – Intesa Sanpaolo, Unicredit e Monte dei Paschi di Siena – sono sotto l’attacco concentrico della speculazione globale, presi di mira dagli hedge fund e da altre istituzioni finanziarie che individuano debolezze nel sistema bancario “made in Italy”, nonostante le rassicurazioni delle nostre autorita’ e i rialzi alla borsa di Milano. A segnalare il forte aumento del rischio percepito, i CDS dei tre istituti di credito si sono impennati fino a +10%, al massimo dello spread…

>>>>>QUESTO ARTICOLO CON I DETTAGLI SUI PREZZI DEI CDS E’ RISERVATO A MONEY MANAGER E GESTORI DI FONDI. PER LA LETTURA E’ RICHIESTO L’ABBONAMENTO A INSIDER. Ci si puo’ abbonare in pochi secondi. Per 1 mese, costa solo 0.86 euro al giorno.

Gli utenti abbonati possono continuare a leggere l’articolo cliccando qui