Von der Leyen avverte del pericolo di taglio totale del gas da Mosca, serve un piano d’emergenza

6 Luglio 2022, di Redazione Wall Street Italia

Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, invita i 27 paesi dell’Unione a predisporre piani di emergenza per prepararsi a un taglio completo del gas russo. “È ovvio: Putin continua a usare l’energia come arma e bisogna essere pronti per le interruzioni shock del gas. Questo è il motivo per cui la Commissione sta lavorando a un piano di emergenza europeo”, ha detto la Von der Leyen intervenento al parlamento Ue di Strasburgo. I primi piani saranno presentati entro la metà del mese, ha aggiunto la von der Leyen.

“È molto importante avere una panoramica europea e un approccio coordinato a un potenziale taglio completo del gas russo”, aggiunge la von der Leyen.

La scorsa settimana la Germania ha prospettato il rischio che la Russia non riprendà le consegne di gas in Europa attraverso il gasdotto Nord Stream 1 dopo i lavori di manutenzione programmati dall’11 luglio al 21 luglio 2022.

Corsa allo stoccaggio in vista dell’inverno

I paesi dell’Unione Europea hanno già concordato il mese scorso che tutto lo stoccaggio di gas naturale nel blocco di 27 nazioni dovrà essere riempito fino ad almeno l’80% della capacità per il prossimo inverno per evitare carenze. Il nuovo regolamento afferma inoltre che lo stoccaggio sotterraneo del gas sul suolo dell’UE dovrà essere riempito al 90% della capacità prima dell’inverno 2023-24.

La Von der Leyen ha riferito che lo stoccaggio era del 55% una settimana fa, aggiungendo che le consegne di gas naturale liquefatto (GNL) dagli Stati Uniti si sono già triplicate.

Prima dello scoppio della guerra in Ucraina, i paesi UE faceva affidamento sulla Russia per il 25% del suo petrolio e il 40% del suo gas naturale.

Transizione green e meno consumi energetici

Adesso l’importazione media mensile di gas russo è in calo del 33% rispetto allo scorso anno, ha affermato von der Leyen che sollecita una rapida transizione verso fonti di energia rinnovabili. “Alcuni dicono che nel nuovo contesto di sicurezza dopo l’aggressione russa, dobbiamo rallentare la transizione verde. Questa
transizione avverrebbe al ‘costo della sicurezza di base’, dicono. È vero il contrario. Se tutti non facciamo altro che competere per i combustibili fossili limitati, i prezzi esploderanno ulteriormente e riempiranno il petto di guerra di Putin”.

“Le energie rinnovabili sono coltivate in casa. Ci danno l’indipendenza dai combustibili fossili russi. Sono più efficienti in termini di costi. E sono più pulite”, ha asserito la Von der Leyen.

Il mese scorso il Consiglio dell’UE ha deciso di aumentare la quota di energie rinnovabili nel mix energetico del blocco ad almeno il 40% entro il 2030, rispetto al precedente obiettivo del 32%. Inoltre, l’obiettivo di riduzione dei consumi energetici del 9% per il 2030 diventerà per la prima volta vincolante per tutti gli Stati membri dell’UE.