UK vara il maggior taglio tasse da anni ’80. Sindacati insorgono: ‘un regalo a ricchi e grandi imprese’

23 Settembre 2022, di Redazione Wall Street Italia

Più grande taglio fiscale dagli anni ’80 per la Gran Bretagna. Il mini-budget predisposto dal nuovo governo contiene tagli alle tasse con l’aliquota più alta dell’imposta sul reddito che sarà abolita, mentre l’aliquota di base sarà ridotta al 19% dal prossimo aprile. L’aliquota massima dell’imposta sul reddito era pari al 45% per guadagni superiori a £ 150.000. “Ciò significa che avremo uno dei sistemi di imposta sul reddito più competitivi e progressivi al mondo”, ha spiegato il nuovo cancelliere dello Scacchiere, Kwasi Kwarteng.

Kwarteng ha affermato che la Gran Bretagna spenderà circa 60 miliardi di sterline (67 miliardi di dollari) per sovvenzionare le bollette del gas e dell’elettricità per i prossimi sei mesi per le famiglie e le imprese.

I leader sindacali hanno condannato il mini-bilancio come “un budget per ricchi”. Il segretario generale di Unite, Sharon Graham, ha affermato che si tratta di un budget per i ricchi, le grandi imprese e la City. La segretaria generale di Unison, Christina McAnea , ha affermato che è stata “un’offensiva a tutto campo per rendere i più ricchi ancora più ricchi”, aggiungendo: Nel mezzo di un’enorme crisi del costo della vita, questo non è il momento per esperimenti economici destinati a fallire. Ci sono masse di lavori essenziali che devono essere riempiti. Il modo migliore per gestire 300.000 posti vacanti nel settore sanitario è offrire al personale un aumento salariale che superi l’inflazione”.