UBS: in I trim utili netti attribuibili azionisti oltre $2 miliardi, meglio stime. Continua a ridurre esposizione verso Russia

26 Aprile 2022, di Redazione Wall Street Italia

Il colosso bancario svizzero UBS ha annunciato di aver concluso il primo trimestre dell’anno con un utile netto attribuibile agli azionisti pari a $2,136 miliardi, ben oltre gli $1,79 miliardi attesi dagli analisti. La banca ha reso noto che sta continuando a ridurre l’esposizione verso la Russia, con il rischio a essa legato che definisce “limitato”. Per la precisione, la sua esposizione diretta verso la Russia ammonta a $634 milioni, rispetto all’esposizione totale verso i mercati emergenti, pari a $20,9 miliardi.

“Fattori di natura macroeconomica, geopolitica e di mercato hanno creato nel primo trimestre un livello elevato di incertezza, con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, le restrizioni e i lockdown legati al Covid, la voltilità più alta, la revisione al ribsso dell’outlook sulla crescita economica, le preoccupioni sull’inflazione più elevata, e la risposta della politica monetaria”, si legge nel comunicato della banca.