Terna: richieste green bond sfondano 3 miliardi di euro

16 Luglio 2018, di Mariangela Tessa

Hanno sfondato la cifra dei 3 miliardi di euro le richieste per il green bond di Terna in corso di collocamento. Il book degli ordini a fine mattinata supera i 3,3 miliardi di euro per il titolo a 5 anni e i livelli della domanda stanno influendo sui prezzi che, a fronte di indicazioni iniziali di 105-110 punti base sopra il midswap, stanno scendendo in area 85-90.

L‘ammontare del prestito obbligazionario dovrebbe salire a 750 milioni contro una previsione iniziale di 500 milioni di euro. Terna vanta un rating Baa1 da Moody’s (outlook negativo), BBB+ da S&P (stabile) e BBB+ da Fitch (stabile).

Il pricing del nuovo titolo, con scadenza 23 luglio 2023, è atteso in giornata. I green bond sono normali emissioni, i cui proventi sono tuttavia vincolati al finanziamento di iniziative a favore della sostenibilità climatica e ambientale.

L’operazione è gestita da Banca Akros, Banca Imi, Bnp Paribas, BofA Merrill Lynch, Credit Suisse, JP Morgan, Natixis e UniCredit.