Scaroni (ex ad Eni) rinviato a giudizio per vicenda Saipem in Algeria

28 Luglio 2016, di Mariangela Tessa

MILANO (WSI) – Rinviato a giudizio Paolo Scaroni, ex amministratore delegato dell’Eni, per la vicenda della presunta corruzione di Saipem in Algeria.

Lo ha deciso il gup di Milano Manuela Scudieri, che ha preso lo stesso provvedimento nei confronti di Eni per la violazione della legge sulla responsabilità amministrativa degli enti per i reati commessi dai propri dirigenti.

Rinviato a giudizio anche l’ex responsabile per il Nord Africa del gruppo Antonio Vella, oltre alle due società Eni e Saipem nell’ambito della legge 231 sulla responsabilità penale delle persone giuridiche.

Il 5 dicembre inizierà il processo davanti alla quarta sezione penale.

Al centro della vicenda c’è l’acquisizione da parte di Saipem di sette contratti d’appalto in Algeria del complessivo valore di 8 miliardi di euro, per i quali l’accusa sostiene siano stati pagati 198 milioni di euro di tangenti.