Satispay: 2020 consolida la crescita

12 Marzo 2021, di Mariangela Tessa

Anche nel 2020, l’anno in cui la pandemia ha cambiato profondamente il modo di pensare la quotidianità, di effettuare acquisti e di pagare, Satispay, il sistema di mobile payment indipendente dai circuiti tradizionali delle carte di credito e debito, conferma il proprio ruolo di leader nella transizione del mercato verso i pagamenti elettronici.

I dati fotografati sul 2020 dall’Osservatorio “Innovative Payments: da alternativa a necessità” del Politecnico di Milano, che si inquadrano nel drammatico scenario delineato dalla pandemia, rivelano molti interessanti aspetti dei cambiamenti sociali riflessi anche nelle abitudini di acquisto e di pagamento che, in estrema sintesi, hanno premiato sistemi di pagamento semplici, veloci e che offrono la sicurezza della distanza.

Il pagamento tramite smartphone è stato così scelto con sempre maggiore convinzione per gli acquisti in negozio, come confermano i risultati del sotto segmento del mercato “Pagamenti tramite smartphone e wearable in negozio” analizzato dall’Osservatorio, il cui volume transato supera i 3,4 miliardi di euro nel 2020.

All’interno della categoria, il volume transato attraverso sistemi non NFC (quindi non collegati al modello tradizionale delle carte di credito come quelli offerti da Big Tech), si attesta nel 2020 a €500 milioni, di cui circa il 60% (pari a circa €300 milioni di euro) è passato da Satispay attraverso un numero di pagamenti pari a 20 milioni, che rappresenta il 67% del numero dei pagamenti totali del segmento in esame.

Nonostante il forte impatto sulle aperture degli esercizi commerciali durante i lockdown i dati registrati evidenziano la forte crescita della società, che su volume e numero di pagamenti ha riportato un incremento rispettivo del 58% e del 60% vs il 2019.

Ma la brillante performance è andata molto oltre ai pagamenti in negozio e ha visto Satispay proseguire con decisione nel suo percorso verso un’identità di super app a tutto tondo.

Il volume totale dei pagamenti è infatti cresciuto dell’81% rispetto al 2019, passando da €323 milioni a €585 milioni complessivi transati al 31 dicembre 2020, includendo oltre ai pagamenti in negozio quelli online e i servizi come ricariche telefoniche, bollettini, pagoPA, Bollo auto e moto, oltre che il P2P, per un totale di oltre 31,1 milioni di transazioni effettuate.