Saipem: firmato accordo con KCA Deutag per vendita attività drilling onshore

1 Giugno 2022, di Redazione Wall Street Italia

Saipem ha annunciato di avere firmato un accordo vincolante con KCA Deutag per la vendita della totalità delle sue attività di drilling onshore a fronte di un corrispettivo in denaro di 550 milioni di dollari oltre a una partecipazione del 10% in KCAD dopo l’acquisizione da parte di quest’ultima del drilling onshore di Saipem. “L’aggiunta delle attività drilling onshore di Saipem in KCAD, che è già tra i più rinomati operatori internazionali di perforazione, porterà ulteriori opportunità di creazione di valore grazie alle sinergie operative e all’esperienza portata da Saipem; a sua volta, Saipem potrà trarre beneficio dalla sua partecipazione di minoranza nell’entità così potenziata”, si legge in una nota.

Inoltre, l’operazione rappresenta per Saipem un ulteriore passo verso un modello di business più focalizzato e resiliente, basato sui trend di crescita dei propri mercati di riferimento, concentrando gli sforzi nel settore delle trivellazioni offshore e sostenendo al contempo il raggiungimento degli obiettivi di struttura di capitale e di liquidità.

I proventi della transazione miglioreranno la liquidità di Saipem, riducendo l’indebitamento netto e sostenendo la realizzazione del suo piano industriale 2022-25. Il corrispettivo finale è soggetto ai consueti aggiustamenti di chiusura. Saipem ha precisato che la chiusura della transazione – soggetta al completamento dello scorporo del business drilling onshore dal gruppo, al completamento dell’aumento di capitale di Saipem e alle condizioni e approvazioni consuete – è prevista entro il 31 ottobre 2022 per le attività in Medio Oriente ed entro il 31 marzo 2023 per le Americhe. Nell’ambito dell’operazione, Saipem è assistita da J.P. Morgan e Lazard.