Russia: economia in forte flessione per i prossimi due anni. PIL a -9,6%

25 Marzo 2022, di Redazione Wall Street Italia

L’economia della Russia è flessione per due anni consecutivi per la prima volta dal crollo dell’Unione sovietica tre decenni fa, secondo un sondaggio di Bloomberg. Mentre la guerra in Ucraina del presidente Vladimir Putin entra nel suo secondo mese, i terribili costi economici stanno diventando chiari dopo che l’invasione ha stimolato una moltitudine di sanzioni e spinto le aziende a ritirarsi dal paese.
Il prodotto interno lordo si ridurrà del 9,6% nel 2022 e si contrarrà dell’1,5% nel 2023, secondo il sondaggio di Blooomberg su 24 analisti condotto dal 18 al 23 marzo. Prima dell’attacco all’Ucraina alla fine di febbraio, l’economia era sulla buona strada per espandersi per un secondo anno.
In un’altra revisione drastica delle prospettive, l’inflazione è ora prevista in media al 20% quest’anno, che sarebbe la più veloce in circa due decenni. La banca centrale dovrà mantenere il suo tasso d’interesse chiave al 20% almeno fino alla fine del secondo trimestre, secondo il sondaggio. L’invasione dell’Ucraina ha provocato un crollo del rublo e ha gettato nel caos le catene di approvvigionamento globale e i prezzi delle materie prime, scatenando anche la partenza di massa delle aziende dal paese. Per punire la Russia, i governi stranieri hanno imposto sanzioni sul commercio e la finanza, congelato le riserve della sua banca centrale e tagliato molte delle sue banche dal sistema di messaggistica globale SWIFT.
La Russia ha cercato di isolare la sua economia e i suoi mercati con controlli sui capitali, un raddoppio dei tassi di interesse e altre misure di emergenza, tutte misure che danneggeranno la crescita.