Russia: banca centrale mantiene tassi al 20%. Economia entra in fase di profonda trasformazione

18 Marzo 2022, di Redazione Wall Street Italia

La banca centrale russa ha deciso di mantenere i tassi di interesse al 20% ma avverte di una notevole incertezza.
Alla fine di febbraio, poco dopo che le forze russe hanno invaso l’Ucraina, la Central Bank of the Russian Federatio ha più che raddoppiato il tasso di interesse chiave dal 9,5% al 20% nel tentativo di sostenere la sua valuta in picchiata. Oggi, la Banca Centrale della Russia ha mantenuto la sua politica monetaria stabile con il tasso di interesse ancorato al 20%, ma ha avvertito di una notevole incertezza. “L’economia russa sta entrando nella fase di una trasformazione strutturale su larga scala, che sarà accompagnata da un periodo temporaneo ma inevitabile di aumento dell’inflazione, principalmente legato agli aggiustamenti dei prezzi relativi in una vasta gamma di beni e servizi”, ha detto la banca. “La politica monetaria della Banca di Russia è impostata per consentire un graduale adattamento dell’economia alle nuove condizioni e un ritorno dell’inflazione annuale al 4% nel 2024”.
Il rublo è affondato ai minimi storici contro il dollaro sulla scia della raffica di sanzioni imposte a Mosca dagli Stati Uniti e dagli alleati europei. All’inizio di questa settimana, la Russia è riuscita a evitare uno storico default del debito completando alcuni dei suoi pagamenti di obbligazioni sovrane in dollari.