RCS: più conveniente l’offerta di Andrea Bonomi e soci

12 Luglio 2016, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Sono congrui entrambi i prezzi offerti per RCS da Cairo e dalla cordata guidata da Andrea Bonomi e soci. A dirlo il cda del gruppo editoriale riunitosi proprio per vagliare le ultime proposte.

“ Il board di Rcs valuta positivamente l’opportunità incrementale rappresentata dalle iniziative prospettate da International media holding (la cordata Bonomi) e dalle risorse finanziarie aggiuntive messe a disposizione mentre valuta non positivamente i programmi futuri sottesi all’offerta di Cairo in quanto non costituiscono sotto il profilo industriale una opportunità incrementale rispetto al piano industriale Rcs”.

Tuttavia secondo il board di RCS una differenza tra le due offerte c’è e quella che appare più conveniente è quella di Bonomi.

“Chi aderirà all’Opa di Bonomi, affiancato da Diego Della Valle, Mediobanca, Unipolsai e Pirelli, riceverà  1 euro per azione in denaro a fronte del disinvestimento da Rcs. Gli azionisti che preferiranno la proposta di Cairo invece continuerebbero a mantenere un investimento azionario scambiando la propria partecipazione diretta in Rcs con una partecipazione in Cairo communication la quale includerebbe a sua volta una partecipazione indiretta e diluita in Rcs”.

Rcs rileva inoltre che la Cairo communication non ha fornito previsioni sui risultati 2016 e che, per pagare gli 0,25 euro cash agli aderenti all’offerta, si assumerà un indebitamento che ne ridurrà la capacità di effettuare investimenti a sostegno del progetto di integrazione.