Prysmian: ricavi in calo nel primo trimestre per effetto del Covid-19

12 Maggio 2020, di Alessandra Caparello

Primo trimestre dell’anno con ricavi  pari a 2.587 milioni in calo del 5,4% per Prysmian. La flessione è dovuta principalmente – come spiega la società in una nota –  al rallentamento atteso del business Telecom, che nel corrispondente periodo del 2019 aveva sovraperformato.

Alla luce delle considerazioni fatte in precedenza su Covid-19, e soprattutto dell’incertezza che persiste riguardo alla diffusione e al prolungarsi della pandemia, agli impatti delle misure di contenimento, nonché dell’impossibilità di prevedere al momento la velocità e le modalità di ripresa della domanda di mercato, il Gruppo ha deciso di ritirare la guidance per l’anno in corso, precedentemente comunicata al mercato in data 5 marzo. Non appena le condizioni di contesto lo consentiranno, ovvero quando sarà aumentata la visibilità sullo sviluppo della pandemia, sulle misure di contenimento prese dai governi dei vari Paesi nonché sulla velocità di ripresa della domanda di mercato per i principali business e geografie, il Gruppo procederà tempestivamente ad aggiornare la previsione sull’Ebitda Rettificato e sui flussi di cassa per l’esercizio 2020″.