Presidente della Corea del Sud pronta a lasciare dopo scandalo

29 Novembre 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) -In un nuovo discorso alla nazione, il terzo in poche settimane dallo scoppio dello scandalo che ha travolto la sua confidente Choi Soon-sil, la presidente sudcoreana Park Geun-hye ha detto di rimettere il suo destino alle decisioni che prenderà il parlamento, inclusa quella sulla fine anticipata del mandato di 5 anni che scade a febbraio 2018.

Park si è detta pronta a lasciare di fronte a un piano di “cessione del potere in modo stabile per minimizzare la confusione negli affari di Stato”. Per la prima volta la presidente ha ufficialmente menzionato oggi l’ipotesi di dimissioni, anche se i passaggi per l’effettiva uscita della prima donna eletta Capo dello Stato sono incerti e tutti da definire.

Tutta la vicenda ruota attorno alla figura di Choi Soon-sil, ribattezzata la “Rasputin coreana” o la “sciamana” amica stretta della presidente, che è accusata di essere invervenuta negli affari dello Stato, nonostante non ricoprisse alcun incarico pubblico ed estorcendo denaro alle grandi imprese nazionali. –