Piazza Affari in rosso: ST in controtendenza nel giorno del Capital Markets Day

12 Maggio 2022, di Redazione Wall Street Italia

La penultima seduta della settimana prende il via in territorio negativo per Piazza Affari in scia allo scivolone di ieri di Wall Street, a seguito della pubblicazione del dato relativo all’inflazione Usa. Nei primi minuti di contrattazioni a Milano prevalgono le vendite, con l’indice Ftse Mib che indietreggia di circa il 2% a quota 23.262,44 punti.
A Piazza Affari continua a dominare la stagione delle trimestrali. Questa mattina sono arrivati i risultati di due big del Ftse Mib, Snam (-0,92%) e Poste Italiane (-1,46%). Quest’ultima ha annunciato risultati migliori delle attese, con l’utile netto che è salito del 10,6% a 495 milioni contro i 464,3 milioni indicati dal consensus Bloomberg. Conti in crescita anche per Snam che ha chiuso i primi tre mesi dell’anno con un utile netto in crescita a 325 milioni di euro (+3,8%) e ricavi totali per 808 milioni (+14,8%) “per effetto della crescita dei business regolati e dei business della transizione energetica”. Sul fondo del Ftse Mib Recordati con cali di quasi il 4%, seguita da Cnh e Nexi che segnano un calo rispettivamente del 3,7% e del 3,3 per cento. Rialzi, seppur marginali, per StMicroelectronics (+0,52% a 34,56 euro) che ha delineato il percorso verso l’ambizione di realizzare ricavi per 20 e oltre miliardi di dollari nel periodo 2025-2027 (il piano per il 2022 prevede ricavi compresi tra 14,8 e 15,3 miliardi di dollari). Nel giorno del Capital Markets Day, previsto a Parigi, il big italo-francese punta a un margine lordo di circa il 50% sempre nel periodo 2025-27 (pari a circa 46% quello previsto per l’anno in corso), un margine operativo di oltre il 30% (24-26% nel 2022), un margine Ebitda superiore al 40% e un free cash flow che va oltre il 25% (oltre 700 milioni di dollari nel 2022).
A livello macro, dopo i dati della Gran Bretagna, l’agenda prevede nel pomeriggio i prezzi alla produzione e le richieste di sussidio settimanale negli Stati Uniti. Sul fronte emissioni, in programma l’asta del Tesoro di Btp a 3, 7 e 30 anni fino a 6,75 miliardi. A livello societario, i cda per l’approvazione dei conti di Atlantia, Il Sole 24 Ore, Mondadori, Unipol, UnipolSai e Webuild.