Piazza Affari allunga a +1,5% su segnali schiarita crisi Ucraina, banche e Stellantis in volata

15 Febbraio 2022, di Redazione Wall Street Italia

Mattinata in crescendo per Piazza Affari in scia allo stemperarsi delle tensioni sul fronte Ucraina. A contribuire rasserenare i mercati è la notizia di Interfax sul rientro in patria di alcune truppe russe dopo la fine delle esercitazioni. Ieri il presidente ucraino Volodimir Zelensky ha parlato ieri di una possibile invasione russa mercoledì e ha deciso di fare del 16 febbraio un giorno per l’unità nazionale ucraina. Successivamente un consigliere del capo dello staff di Zelenskiy ha precisato che le osservazioni dovrebbero essere interpretate come ironiche. Intanto proseguono gli sforzi diplomatici con il cancelliere tedesco Olaf Scholz che oggi si recherà a Mosca per incontrare il presidente russo Vladimir Putin.

Il Ftse Mib, in calo del 2% ieri, viaggia sui massimi intraday a 26.805 punti (+1,47%). Tra le big di Piazza Affari in prima fila oggi Stellantis (+2,88%) e Unicredit a +1,94%. Tra le banche in rally Bper (+3,89% in area 2,055 euro) dopo che l’istituto emiliano ha firmato il contratto per l’acquisizione di Carige. Bene anche Banco BPM (+3,2% a 3,64 euro) che rimane al centro delle voci di M&A.