Petrolio debole: in Cina persistono rischi Covid. Attesi report Opec e Aie

11 Aprile 2022, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di settimana sotto pressione per il petrolio che cede circa il 2 per cento. Nel dettaglio, il Wti indietreggia del 2,2% a 96 dollari al barile mentre il Brent cede il 2% poco sopra i 100 dollari (questa mattina è stato scambiato anche sotto i 100 dollari).

“C’è una crescente preoccupazione per la situazione Covid in Cina, con l’impressione che non ci sia una fine in vista per via dei lockdown a cui si sta assistendo. Sabato, Shanghai ha riportato un altro record di casi giornalieri. Chiaramente, l’aumento dei casi e il rafforzamento delle restrizioni mostra un ulteriore rischio al ribasso per la domanda petrolifera cinese”, commentano gli esperti di commodity di ING ricordando che quella appena iniziata si candida ad essere una settimana abbastanza impegnativa per il mercato petrolifero in termini di dati.

Martedì, l’Opec pubblicherà il suo rapporto mensile sul mercato petrolifero. “Il precedente report ha mostrato piccoli cambiamenti nonostante la guerra Russia-Ucraina, quindi c’è ora il potenziale per cambiamenti più significativi – sottolineano da ING -. Inoltre, la situazione Covid in Cina dovrebbe riflettersi anche nei loro numeri”. Lo stesso giorno è atteso anche l’outlook di breve termine sull’energia dell’Agenzia internazionale dell’Energia (Aie). Il giorno successivo l’Aie pubblicherà il suo rapporto mensile sul mercato petrolifero.