Olimpiadi Rio: fermati dalla polizia due nuotatori statunitensi

18 Agosto 2016, di Alessandra Caparello

RIO DE JAINEIRO (WSI) – I nuotatori statunitensi Gunnar Bentz e Jack Conger sono stati fermati dalla polizia brasiliana  all’aeroporto internazionale di Rio de Janeiro, impedendogli di partire per gli Stati Uniti. I due sono stati prelevati per essere sentiti come testimoni per la rapina presunta ai danni di un altro nuotatore Ryan Lochte.

La madre di Lochte aveva fatto sapere che il figlio era stato rapinato al rientro nel villaggio olimpico dopo una festa a Rio de Janeiro ma pochi minuti dopo arriva la  smentita del Comitato olimpico internazionale. Il giallo si infittisce quando lo stesso Cio smentisce se stesso e conferma la rapina ai danni di Lochte che a questo punto era atteso dal giudice carioca per fornire maggiori dettagli dell’accaduto ma il nuotatore era già ripartito per gli States.

A dare spiegazioni è rimasto un compagno di squadra di Lochte, James Feigen, al quale la giudice Keyla Blank in mattinata ha fatto ritirare il passaporto. Feigen, con Bentz e Conger, era uno dei tre compagni di squadra che si trovavano con Lochte al momento della presunta rapina.