Nissan: l’ex numero uno Ghosn torna in carcere con nuove accuse

4 Aprile 2019, di Mariangela Tessa

Continua la saga giudiziaria dell’ex presidente di Nissan-Renault-Mitsubishi motors, Carlos Ghosn. Questa mattina l’ex manager è stato arrestato nuovamente nelle prime ore del mattino a Tokyo con la nuova accusa di appropriazione indebita dei fondi della società per un totale di 15 milioni di dollari. L’ex tycoon 65enne era stato rilasciato su cauzione a inizio marzo, dopo un periodo di detenzione di 108 giorni.

“Il mio arresto di stamane è oltraggioso e arbitrario”, ha commentato Ghosn in un comunicato probabilmente redatto in anticipo e trasmesso alle agenzie. “Perché arrestarmi se non per cercare di farmi crollare? Non crollerò. Sono innocente delle accuse senza fondamento contro di me”.

Solo ieri Ghosn aveva annunciato via twitter l’intenzione di convocare una conferenza stampa per l’11 aprile “per dire la verità su quanto sta accadendo”.