Netflix: previsioni deludenti, titolo crolla -11%

19 Aprile 2016, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) – Non si mettono bene le cose per Netflix, la compagnia attiva nel settore dei video on demand che delude il mercato annunciando deboli previsioni. La società ha chiuso il trimestre al 31 marzo con ricavi pari a 1,96 miliardi di dollari, superiori ai 1,57 miliardi registrati nello stesso periodo di un anno fa, ma sotto le stime di consensus che erano per un giro d’affari per 1,97 miliardi.

Il gruppo californiano ha messo a segno un giro d’affari da 1,96 miliardi di dollari, contro i 1,57 miliardi dello stesso periodo del 2015, con una crescita di quasi il 30%, ma non ha battuto le stime degli analisti fissate a 1,97 miliardi di dollari.

Se da una parte il numero di utenti aggiunti nel corso del primo trimestre del 2015 è stato di 6,74 milioni a livello globale, a preoccupare il mercato sono le previsioni di crescita per i tre mesi in corso che parlano di un rallentamento nella crescita degli utenti. Si attende infatti solo 2,5 milioni di nuovi abbonati, 500.000 negli Stati Uniti e 2 milioni nel resto del mondo.

Nelle contrattazioni afterhours, le quotazioni di Netflix sono crollate -11% circa. Ora, in premercato, segnano un calo di quasi -3%.