Milano parte male: Ftse Mib -1,6% con TIM e titoli oil in affanno

25 Aprile 2022, di Redazione Wall Street Italia

Forti vendite in avvio di giornata a Piazza Affari. Il Ftse Mib segna -1,6% in area 23.900 punti. A pesare sull’umore degli investitori europei il forte calo segnato venerdì in chiusura da Wall Street (-2,8% lo S&P 500) sulla scia dei timori di una Fed molto aggressiva sul fronte tassi e la prospettiva di un rallentamento della crescita globale. “Le preoccupazioni per i tassi di interesse e una possibile recessione sono tornate sul tavolo, spingendo gli investitori a scaricare sia le azioni che le obbligazioni. Con l’inflazione che sta già colpendo la spesa dei consumatori, il timore è che un ritmo più rapido dell’inasprimento della Fed possa esercitare ulteriore pressione sull’economia statunitense”, spiegano stamattina gli esperti di IG.

Sul parterre di Piazza Affari si muove in netto calo TIM a -3% circa, oltre -2% per ENI e Tenaris. Unico segno più al momento è Azimut (+0,10%). Oggi fuori dal Ftse Mib stacco cedola per alcuni titoli, tra cui Banco Desio (0,1365 euro, yield del 4,49%, Esprinet (0,54 euro, yield del 5,5%) ed Edison Risparmio (0,285 euro, yield 16,47%).