Mediobanca, AD Nagel smonta rumor addio a Generali e M&A . Risponde a domanda su Francesco Caltagirone

12 Maggio 2022, di Redazione Wall Street Italia

Il numero uno di Mediobanca, l’amministratore delegato Alberto Nagel, smentisce le indiscrezioni su un’uscita di Piazzetta Cuccia da Generali, e di un interesse verso operazioni di M&A con i campioni del risparmio gestito Banca Mediolanum, Banca Generali e Azimut. In occasione della trimestrale, Nagel ha smontato i rumor riportati da Il Sole 24 Ore, che avevano parlato dell’esistenza del dossier di un addio dal Leone di Triestre per convolare a nozze con uno dei tre gruppi del risparmio gestito.

Generali, ha detto Nagel, “svolge un compito importante per Mediobanca perché è un rischio decorrelato a quello bancario. Siamo molto soddisfatti di questo tipo di esposizione anche nello scenario a venire”

“Questo non vuol dire – ha precisato Nagel – che non monitoriamo sempre se ci siano opportunità di consolidamento”.

Ma “oggi non ci sono colloqui in corso e non ci sono dossier aperti”.

“Siamo felici e contenti del contributo di Generali e quindi per cambiare status quo dobbiamo avere opzioni concrete e altrettanto valide per prendere una decisione diversa”.

Riguardo alla salita di Francesco Caltagirone nel capitale, Nagel ha affermato che “il nostro compito è gestire il gruppo seguendo un percorso che è quello approvato e comunicato al mercato con il piano industriale, attuandolo e dando soddisfazione a tutti gli azionisti. Poi se questi azionisti sono investitori istituzionali o singoli investitori per noi non deve avere importanza. Per noi tutti gli azionisti vanno bene e lavoriamo per tutti gli azionisti”.