Matrimonio Essilor-Luxottica finalizzato entro prima metà del 2018

1 Marzo 2018, di Mariangela Tessa

Il progetto di integrazione tra Essilor e Luxottica “deve essere finalizzato nella prima parte del 2018 dopo avere ottenuto tutte le necessarie autorizzazioni”. Lo indica Essilor, numero uno mondiale delle lenti oftalmiche, nel comunicato sui conti 2017. Finora l’operazione ha ottenuto il via libera senza condizioni di 13 Paesi, precisa il gruppo francese.

 

Intanto, nel 2017 la società ha registrato un utile netto di 789 milioni di euro, in calo del 3% rispetto agli 813 milioni del 2016. L’andamento risente di oneri straordinari, in particolare legati al progetto di fusione con Luxottica (109 milioni di euro), ma beneficia anche di una minore imposizione fiscale sia in Francia che negli Usa. Su basi ‘adjusted’ il risultato netto ammonta a 833 milioni, in progresso del 2,5%.

Allo stesso empo, il fatturato è salito del 5,3% a 7,49 miliardi (+6,7% esclusi gli effetti valutari e +3,1% su basi omogenee).

Il cda proporrà all’assemblea del 24 aprile la distribuzione di un dividendo di 1,53 euro per azione, in aumento del 2%. Essilor guarda con fiducia al 2018, prevedendo una crescita del fatturato su basi omogenee “attorno al 4%”.