Materie prime, per Capital Group è un rally insostenibile nel breve periodo

5 Aprile 2022, di Redazione Wall Street Italia

I prezzi delle materie prime sono saliti bruscamente dopo l’invasione del 24 febbraio, soprattutto per quelli prodotti in Russia e Ucraina. Ciò include grano, petrolio e gas naturale, così come altri metalli chiave come alluminio, palladio e rame. Ma i prezzi stavano aumentando molto anche prima dell’inizio del conflitto, Secondo Capital Group, i picchi di inflazione sono insostenibili nel breve periodo ma bisogna fare dei distinguo in questo contesto per investire in maniera appropriata.

Di fatti è importante notare che ci sono grandi differenze tra le principali categorie di materie prime. Il petrolio e il gas, i metalli, il cibo e i prodotti agricoli seguono spesso i loro propri cicli. Gli investitori che cercano una copertura dell’inflazione dovrebbero tenerlo a mente. Tutto dipende dalla fonte dell’inflazione.

Non sorprende che il settore energetico tenda a fare bene quando l’inflazione è in aumento, perché gli aumenti dei prezzi dell’energia, soprattutto per la benzina, possono essere rapidamente trasmessi ai consumatori. Questo non vale per altre materie prime, dove gli aumenti di prezzo possono essere assorbiti mentre ci si sposta lungo la catena di produzione.