Iran esce dall’accordo 2015 sul nucleare, nessun limite alla produzione dell’uranio arricchito

6 Gennaio 2020, di Mariangela Tessa

L’Iran non rispetterà più nessuno degli impegni presi con l’accordo del 2015 sullo sviluppo del nucleare. Lo ha annunciato la tv iraniana, secondo cui Teheran si ritiene libera da tutti i vincoli imposti dall’accordo del 2015 per quanto riguarda il numero di centrifughe impiegate, ma resta aperta alle ispezioni dell’Aiea “come prima”.

L’annuncio arriva durante le celebrazioni ad Ahvaz, città nella provincia del Khuzestan in Iran, che aprono i tre giorni di lutto nazionale per la morte del generale Qassem Soleimani, ucciso venerdì scorso a Bagdad in Iraq da un raid americano.

L’accordo del 2015 prevede, fra le altre cose, un limite al numero di centrifughe impiegabili per la produzione dell’uranio arricchito. Superare questo limite significa accelerare la produzione dell’elemento che è anche alla base della produzione di testate atomiche.