Guai per ex proprietario cinese del Milan, tribunale ordina ritiro passaporto

19 Ottobre 2018, di Mariangela Tessa

Nuove grane l’ex proprietario del Milan, il cinese Li Yonghong. Secondo indiscrezioni stampa dell’agenzia Reuters, il tribunale di Hubei in Cina avrebbe ritirato il passaporto all’imprenditore, che è stato inserito in una lista nera di debitori.

In particolare, sarebbe stata emessa un’ordinanza in cui chiede a Li di pagare alla società Hubei Jingjiu Investment 60 milioni di yuan ed una multa di 12 milioni di yuan.

Il provvedimento precisa che Li è sottoposto a precise limitazioni nei viaggi e specifica che non può acquistare biglietti ferroviari di prima classe, viaggiare in aereo, frequentare club o alloggiare in alberghi di lusso, acquistare proprietà immobiliari o mandare i figli in scuole private.