Fondo sovrano norvegese mette sotto osservazione Enel per emissioni, possibile cessione

13 Maggio 2020, di Mariangela Tessa

Il fondo sovrano da 1.000 miliardi di dollari della Norvegia ha comunicato oggi di aver messo sotto osservazione alcune società, fra cui Enel, in vista di una esclusione dal proprio portafoglio in futuro, se non affronteranno il tema dell’utilizzo o della produzione di carbone.

Enel non è la sola ad essere finita sotto la lente del fondo norvegerse. Le altre società sono Bhp, Uniper e Vistra Energy.

Il parlamento norvegese ha concordato nel giugno 2019 che il più grande fondo sovrano del mondo non investirà più in società che estraggono più di 20 milioni di tonnellate di carbone all’anno o generano più di 10 gigawatts (GW) di elettricità dal carbone.

“E’ la prima volta che queste soglie sul carbone vengono applicate”, ha detto oggi il fondo in un comunicato.

Per le stesse ragioni, il fondo ha escluso i titoli Glencore, Anglo American, RWE, Sasol e Agl Energy.