Ferrari: assemblea approva bilancio 2021 e dividendo, stacco cedola il 19 aprile

13 Aprile 2022, di Redazione Wall Street Italia

L’assemblea di Ferrari ha approvato il bilancio 2021 ed espresso parere positivo in merito alla relazione sulla remunerazione per il 2021. Approvata anche la proposta di distribuire un dividendo in denaro di 1,362 euro per ciascuna azione ordinaria in circolazione, pari a un dividendo complessivo di circa 250 milioni di Euro. Il dividendo avrà lo stacco cedola delle azioni ordinarie in circolazione il 19 aprile 2022 (ex date). La data di legittimazione a percepire il dividendo (record date) sarà il 20 aprile 2022 per le azioni ordinarie negoziate sia presso l’EXM italiano sia presso il NYSE negli Stati Uniti e il dividendo sarà posto in pagamento il 6 maggio 2022. Agli Azionisti che, alla record date, saranno titolari di azioni ordinarie della Società scambiate sul NYSE, il suddetto dividendo verrà pagato in Dollari USA (USD), sulla base del cambio ufficiale EUR/USD del 14 aprile 2022 pubblicato dalla Banca Centrale Europea.

L’Assemblea ha eletto tutti gli amministratori di Ferrari che si sono candidati per l’elezione. John Elkann e Benedetto Vigna sono stati eletti amministratori esecutivi di Ferrari. Piero Ferrari, Delphine Arnault, Francesca Bellettini, Eduardo H. Cue, Sergio Duca, John Galantic, Maria Patrizia Grieco e Adam Keswick sono stati eletti amministratori non esecutivi di Ferrari. Inoltre, gli Azionisti hanno nominato Ernst & Young Accountants LLP quale revisore indipendente di Ferrari per l’esercizio 2022 fino all’Assemblea degli Azionisti del 2023 e l’Assemblea ha nominato Deloitte Accountants B.V. quale revisore indipendente della Società per l’esercizio 2023 dall’Assemblea degli Azionisti del 2023 fino all’Assemblea degli Azionisti del 2024.

L’Assemblea ha inoltre rinnovato le deleghe al Consiglio di Amministrazione della Società ad emettere azioni ordinarie (per un periodo di diciotto mesi dalla data dell’odierna Assemblea) e speciali (per un periodo di cinque anni dalla data dell’odierna Assemblea), attribuire diritti a sottoscrivere azioni ordinarie e speciali ed a limitare o escludere i diritti di prelazione per le azioni ordinarie (per un periodo di diciotto mesi dalla data dell’odierna Assemblea), nel rispetto di determinati massimali. Inoltre, l’Assemblea ha rinnovato al Consiglio di Amministrazione, per un periodo di diciotto mesi dalla data dell’odierna Assemblea, l’esistente autorizzazione ad acquistare azioni ordinarie della Società fino ad un massimo del 10% delle azioni ordinarie emesse alla data dell’Assemblea. In base alla delega, il Consiglio di Amministrazione potrà acquistare azioni ordinarie della Società nel rispetto delle disposizioni normative e regolamentari vigenti e di determinate soglie minime e massime di prezzo.