Eticapro, al via il progetto dedicato al Terzo Settore e al Consumo Critico

10 Gennaio 2020, di Alessandra Caparello

Al via Eticapro, progetto dedicato al Terzo Settore e al Consumo Critico. L’iniziativa, che prende vita grazie a un accordo di collaborazione tra Gruppo Assimoco, CAES Italia (Consorzio Assicurativo Etico Solidale) e Banca Popolare Etica, si declina in un posizionamento, un modello distributivo, una gamma di prodotti e servizi distintivi e identificati da un marchio, pensati e realizzati esclusivamente per gli Enti e le Persone espressione del non profit italiano.

“Siamo la Compagnia di riferimento del Mondo Cooperativo da oltre 40 anni e operiamo attraverso una rete distributiva composta da Banche di Credito Cooperativo e Agenzie, oltre che da due partner d’eccezione come CAES Italia e Banca Etica, con i quali abbiamo una forte comunione di intenti, principi e valori: la realizzazione del progetto Eticapro è per noi la naturale evoluzione del percorso compiuto fino a oggi a stretto contatto con importantissime realtà della cooperazione sociale e dell’associazionismo”, sottolinea Ruggero Frecchiami, Direttore Generale del Gruppo Assimoco, che vede al proprio interno una divisione operativa dedicata al Terzo Settore e al Consumo Critico, guidata da Luca Di Lorenzo.

Il progetto Eticapro è parte di un percorso che ha visto il Gruppo Assimoco, già nel 2018, prima e unica Compagnia di Assicurazioni italiana ad aver ottenuto la certificazione B Corp. Una Certified B Corporation è un’azienda che volontariamente rispetta i più alti standard di scopo, responsabilità e trasparenza, impostando la propria strategia d’impresa “mixando” tre variabili, le cosiddette 3P, ossia Profitto, Pianeta e Persone.

“Eticapro è un Progetto Assicurativo Sostenibile e Solidale, in quanto Assimoco, CAES Italia e Banca Etica sono mossi da principi di sostenibilità economica, sociale e di governance, fornendo quotidianamente sostegno e protezione a moltissimi Enti e operatori che fanno della solidarietà un principio e una ragione di vita, oltre a redistribuire sul territorio parte dei profitti. Eticapro è il risultato della relazione che abbiamo con le persone che operano quotidianamente nel Terzo Settore e che sono orientate ad uno stile di consumo critico e responsabile”, precisa Frecchiami.