Effetto Ucraina, da Fed maxi-taglio outlook Pil e forte upgrade stime inflazione per il 2022

17 Marzo 2022, di Redazione Wall Street Italia

Il Fomc, il braccio di politica monetaria della Fed ha abbassato le previsioni sul Pil Usa del 2022 dal +4% a una crescita del 2,8%. Il fattore principale citato è stata la guerra in Ucraina. Il tasso di disoccupazione Usa del 2022 è atteso in calo al 3,5% quest’anno, rispetto al 3,8% attuale, come nelle proiezioni economiche di dicembre.

La Fed ha rivisto invece al rialzo in modo significativo l’outlook sull’inflazione misurata dal suo parametro, l’indice PCE, atteso ora per il 2022 in crescita del 4,3%, rispetto al +2,6% atteso a dicembre.

L’inflazione core misurata dall’indice PCE core è stimata quest’anno in rialzo del 4,1%, rispetto al +2,7% precedente.

E’ quanto emerge dal sommario delle proiezioni economiche della Fed, che ieri ha annunciato il primo rialzo dei tassi dal 2018. I tassi sui fed funds sono stati alzati di 1/4 di punto percentuale, al nuovo range compreso tra lo 0,25% e lo 0,50%.