Credit Suisse: esposizione verso Russia ben gestita. Banca mantiene filiale a Mosca

10 Marzo 2022, di Redazione Wall Street Italia

Credit Suisse alla fine dell’anno scorso detiene 848 milioni di franchi (914 milioni di dollari) di esposizione creditizia verso la Russia, pur avvertendo che un aumento delle attività di trading e di copertura dopo l’invasione sarà probabilmente compensato da maggiori accantonamenti e da un minor numero di operazioni.
L’esposizione alla Russia include derivati e finanziamenti presso la banca d’investimento, finanziamenti commerciali e altri prestiti all’interno del private banking, mentre è minima l’esposizione agli oligarchi sanzionati all’interno della gestione patrimoniale. L’istituto di credito con sede a Zurigo è l’ultima tra le grandi banche europee che cercano di rassicurare gli investitori che possono assorbire lo shock dell’invasione. La banca elvetica mantiene ancora un ufficio a Mosca ed è vista come attore chiave per la gestione della ricchezza russa espatriata.
“Abbiamo rivisto le nostre posizioni e crediamo che l’esposizione della banca in relazione alla Russia sia ben gestita, con sistemi in atto appropriati per affrontare i rischi associati”, ha detto l’amministratore delegato Thomas Gottstein. “Per principio e politica, il Credit Suisse applica tutte le sanzioni, in particolare quelle emesse dall’UE, dagli Stati Uniti e dalla Svizzera”.
L’ufficio di Mosca della banca ha circa 125 dipendenti che lavorano nella gestione patrimoniale e nella banca d’investimento. L’azienda ha detto di aver “pianificato una serie di potenziali scenari”, senza fornire ulteriori dettagli.