Borse europee incerte, focus su trimestrali

26 Aprile 2022, di Redazione Wall Street Italia

Le Borse europee si muovono incerte, da una parte sostenute dal recupero sul finale di Wall Street, dall’altra appesantite dai timori economici, sanitari e monetari. Nei primi minuti di contrattazione l’indice Eurostoxx 50 sale dello 0,85%. A Francoforte il Dax scivola dello 0,25%, a Parigi il Cac40 cede lo 0,78% e a Londra l’indice Ftse100 si muove sulla parità con un -0,04%.

Ieri i listini in Europa hanno chiuso in forte calo (l’indice milanese Ftse Mib ha terminato con un -1,53% a 23.908 punti) sulla paura che un contenimento sanitario a Pechino di fronte all’evoluzione del Covid-19 associata alla prospettiva di una rapida stretta monetaria negli Stati Uniti possa incidere sul ritmo della crescita.

Gli economisti di Morgan Stanley hanno annunciato a tal proposito di aver tagliato l’outlook sul Pil della Cina al 4,2% relativo al 2022, rispetto al target di crescita economica fissato dal governo di Pechino, pari al +5,5% circa.

Anche Bank of America ha rivisto al ribasso le proprie proiezioni di crescita sul Pil cinese, dal +4,8% al +4,2%, mentre il downgrade di Nomura è da una crescita economica pari a +4,3% a +3,9%.

In assenza di un dato macro importante, la sessione sarà animata da diverse trimestrali aziendali, tra cui spiccano i risultati di Orange, HSBC e Ubs.