Biden in missione in Europa, ecco cosa proporrà per convincere l’UE a staccarsi dal gas russo

24 Marzo 2022, di Redazione Wall Street Italia

Oggi riflettori puntati su Bruxelles con il presidente americano, Joe Biden, che parteciperà a diversi incontri nel corso della giornata (consiglio UE, NATO e G7) con focus tutto sulle possibili sanzioni aggiuntive contro la Russia, e in particolare il suo settore energetico.”È probabile che vengano annunciate nuove sanzioni alla Russia, sebbene una mossa per limitare le esportazioni di petrolio russe continui a vacillare”, rimarcano gli esperti di IG.

Ma cosa proporrà nel concreto Biden? Il tema chiave rimane quello dell’energia. L’idea di Washington è garantire le forniture di gas naturale per l’Europa, stando a quanto riporta l’agenzia Bloomberg, specificando che difficilmente gli Stati Uniti garantiscano quantità specifiche di forniture di gas all’UE e non è chiaro come funzionerebbe l’accordo o se includerebbe un accordo sui prezzi.

Biden andrà pertanto in pressing sull’Unione Europea per un accordo volto a ridurre la dipendenza dell’Europa dalle fonti energetiche russe. “Una delle principali priorità sia per il presidente che per i suoi alleati europei è ridurre la dipendenza dell’Europa dal gas russo, punto e basta, e la road map pratica per come farlo – quali passi devono essere intrapresi, cosa possono contribuire gli Stati Uniti, cosa l’Europa deve fare da sola”, ha detto il capo della sicurezza nazionale americana Jake Sullivan ai giornalisti a bordo dell’Air Force One, sbilanciandosi sull’annuncio di un accordo già questo venerdì. “Ci si può aspettare che gli Stati Uniti cercheranno modi per aumentare le forniture di GNL, aumentare le forniture di GNL in Europa, non solo nel corso degli anni, ma anche nel corso dei mesi”, ha aggiunto Sullivan.

Oltreoceano ci sono grandi manovre per creare le condizioni di un corposo aumento della produzione di gas naturale liquefatto (GNL). Il segretario al Tesoro Janet Yellen, Sullivan e il direttore del Consiglio economico nazionale Brian Deese hanno incontrato questa settimana l’amministratore delegato di Exxon Mobil, Darren Woods, alti funzionari di società energetiche come Marathon Petroleum Corp. e leader di altre grandi società tra cui il ceo di JPMorgan Chase Jamie Dimon.

Proprio quest’ultimo è tra i più attivi nel proporre alla Casa Bianca di sviluppare quello che Dimon definiscd un “Piano Marshall” degli USA per aumentare la produzione di gas naturale e di altre risorse energetiche, ad esempio riducendo i tempi di sviluppo per la produzione di energia rinnovabile come i parchi eolici.

La Germania rimane scettica

Nei giorni scorsi il primo a dichiararsi non favorevole a uno stop delle forniture energetiche russe è stato il cancelliere tedesco Scholz che non vede alcuna possibilità a breve termine. “Farlo da un giorno all’altro significherebbe far precipitare il nostro paese e tutta l’Europa in recessione”, ha avvertito. Il gas russo copre oltre il 40% delle forniture di gas per l’Europa.