BCE vuole evitare inflazione elevata e “effetti secondari” sui salari nel eurozona

16 Settembre 2022, di Redazione Wall Street Italia

La Banca centrale europea vuole “assolutamente” evitare un’inflazione elevata che porti a un’eccessiva pressione al rialzo sui salari. I recenti aumenti dei tassi di interesse dovrebbero segnalare la sua determinazione a raggiungere il suo obiettivo di prezzo, ha affermato la presidente Christine Lagarde.

L’inflazione nell’area dell’euro, che ha raggiunto un nuovo record del 9,1% ad agosto, è trainata in larga misura dall’impennata dei costi energetici derivante dalla guerra russa in Ucraina, ma la BCE deve agire per evitare ulteriori aumenti dei prezzi.
“Abbiamo più shock dell’offerta che shock della domanda, ma abbiamo entrambi, quindi siamo obbligati ad agire tenendo conto di questo complicato mix di domanda e offerta”, ha detto Lagarde a un pubblico di studenti venerdì.

“Quindi quello che dobbiamo fare come banca centrale è concentrarci sul nostro obiettivo di stabilità dei prezzi, che abbiamo fissato al 2% a medio termine”, ha affermato. “Dobbiamo quindi utilizzare tutti gli strumenti di politica monetaria a nostra disposizione per raggiungere questo obiettivo”.