Banco Bpm schizza in Borsa (+15%) dopo mossa Agricole: per analisti operazione ravviva “appeal speculativo su titolo”

8 Aprile 2022, di Redazione Wall Street Italia

Partenza sprint per Banco Bpm a Piazza Affari, con il titolo che ora mostra un rialzo di oltre il 15% a quota 3,147 euro (rimettendo nel mirino i massimi dell’anno a 3,762 euro toccati lo scorso 15 febbraio). A mettere il turbo all’azione la notizia arrivata ieri sera che i francesi di Credit Agricole hanno acquisito – per effetto di acquisti sul mercato e di un’operazione con una primaria banca d’affari internazionale – una partecipazione pari al 9,18% nel capitale della banca italiana Banco Bpm. In particolare, la banca transalpina ha sottolineato “il forte apprezzamento” per Banco Bpm, evidenziando le “positive prospettive sul piano finanziario” ha specificato che l’operazione consolida la relazione strategica e di lungo termine con Banco Bpm (con cui Agricole detiene la joint venture nel credito al consumo Agos: 39% Banco Bpm e 61% nelle mani di Agricole)

“Riteniamo che l’operazione sia positiva per Banco Bpm dato che da un lato è prova della solidità delle prospettive future dal punto di vista operativo, dall’altro riteniamo ravvivi l’appeal speculativo sul titolo, alla luce dalla presenza di un investitore industriale di qualità come Credit Agricole, con un comprovato track-record in ambito M&A”. Così gli analisti di Equita dopo la mossa a sorpresa di Credit Agricole sulla banca guidata da Castagna. Equita aggiunge che le probabilità di una business combination siano elevate sebbene le modalità e le tempistiche rimarranno da valutare. “Credit Agricole è un player dell’unione europea e una realtà già importante in Italia, quindi a nostro avviso l’operazione può ricevere il supporto di Banca d’Italia e Bce”, concludono gli esperti.