Bancarotta: pm chiede condanna per costruttore Danilo Coppola

12 Gennaio 2018, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Sette anni di carcere e maxi sequestro per 664 milioni di euro: questa la richiesta che i pm hanno fatto nei confronti di Danilo Coppola, l’immobiliarista famoso per le scalate alle banche nell’estate del 2005 e arrestato l’anno seguente  con l’accusa di bancarotta e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte anche in relazione al crac della società Porta Vittoria.