Auto, Promotor: “dati catastrofici, servono incentivi”

17 Giugno 2020, di Mariangela Tessa

Un dato “catastrofico”. Così ha commentato i dati sulle immatricolazioni auto in Europa nel mese di maggio il Centro Studi Promotor secondo cui “non è pensabile un rapido recupero spontaneo perché la ripresa delle attività è lenta. In Europa, sottolinea Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, “si studiano e si adottano misure specifiche per il rilancio della domanda di autovetture che puntano su incentivi all’acquisto” anche di auto con alimentazione tradizionale: incentivare vetture Euro 6, dice, “è una strada obbligata per salvare le case automobilistiche e metterle in grado di continuare ad investire sull’auto elettrica”.