Ansaldo STS, fondo Elliot ricorre al Tar: “Opa a 15 euro”

7 Aprile 2016, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Presentata dal fondo Elliot al Tar la richiesta di annullamento della delibera della Consob perché il prezzo dell’Opa di Hitachi su Ansaldo STS, di cui il fondo è il secondo maggiore azionista, secondo lo stesso fondo deve essere superiore a quello previsto dalla Consob stessa, ossia 1 5 euro.

“La richiesta di Elliott è volta a determinare che, come conseguenza della collusione già accertata da Consob, il prezzo dell’offerta pubblica di acquisto debba essere aumentato di un valore che è molto più alto di 0,399 euro per azione indicato nella decisione della Consob, e che è quantificabile in circa 5,5 euro per azione, che si tradurrebbe in una revisione del prezzo di offerta a circa 15 euro per azione. Il prezzo di 15 euro per azione si basa, inter alia su quanto riconosciuto dalla stessa Hitachi in una presentazione al suo consiglio di amministrazione in data 10 dicembre 2014, in cui si afferma che qualora la partecipazione di Finmeccanica in Ansaldo Sts fosse stata oggetto di un’asta come una transazione stand-alone, il prezzo sarebbe stato significativamente più alto. Elliott confida che le autorità di vigilanza e controllo italiane e la magistratura tuteleranno i diritti degli azionisti di minoranza in conformità con la legge”.