Agenda mercati: settimana corta ma densa di dati tra Bce, stagione utili e soprattutto inflazione Usa    

11 Aprile 2022, di Redazione Wall Street Italia

 

La settimana appena iniziata, che si chiuderà con le festività di Pasqua (mercati chiusi venerdì prima del weekend di Pasqua), si preannuncia densa sul fronte macro con diversi incontri di politica monetaria da monitorare, tra cui quello della Bank of Canada (mercoledì) e della Banca centrale europea (Bce) in agenda giovedì.

Si attende anche l’aggiornamento mensile sui dati sui prezzi al consumo negli Stati Uniti (in uscita domani). L’inflazione Usa potrebbe aver raggiunto l’8,5% su base annua a febbraio, secondo il consenso di Reuters. In Cina, le statistiche ufficiali sull’inflazione pubblicate stamattina, prima dell’avvio delle contrattazioni in Europa, hanno mostrato un aumento dei prezzi alla produzione superiore alle attese, dell’8,3% in un anno. Senza dimenticare l’avvio della nuova stagione dei conti, che prenderà ufficialmente il via mercoledì negli Stati Uniti con i risultati trimestrali delle principali banche americane.

Il calendario: gli appuntamenti principali, giorno per giorno

Molti i dati che affollano l’agenda macroeconomica di martedì 12 aprile. A cominciare dagli spunti in arrivo dal Giappone con i prezzi alla produzione. Per il regno Unito in uscita gli aggiornamenti sul mercato del lavoro, oltre all’indice tedesco Zew. Ma il market mover di giornata è rappresentato dall’inflazione Negli Stati Uniti. Sul fronte petrolifero, invece, si prospetta una ottava abbastanza densa di dati. Domani l’Opec pubblicherà il suo rapporto mensile sul mercato dell’oro nero. “Il precedente report ha mostrato piccoli cambiamenti nonostante la guerra Russia-Ucraina, quindi c’è ora il potenziale per cambiamenti più significativi – sottolineano da ING -. Inoltre, la situazione Covid in Cina dovrebbe riflettersi anche nei loro numeri”. Lo stesso giorno è atteso anche l’outlook di breve termine sull’energia dell’Agenzia internazionale dell’Energia (Aie). Il giorno successivo l’Aie pubblicherà il suo rapporto mensile sul mercato petrolifero.

La giornata di mercoledì 13 aprile vede in primo piano la bilancia commerciale cinese e le decisioni sui tassi della banca centrale della Nuova Zelanda. La seduta prosegue con l’inflazione in Uk e l’aggiornamento mensile dell’Istat sulla produzione industriale di febbraio in Italia. E ancora nel pomeriggio si guarda ai prezzi alla produzione in Usa e alla riunione della Banca centrale canese che dovrebbe alzare i tassi all’1 per cento. A chiudere i dati settimanali sulle scorte di petrolio e produzione. Inizia ufficialmente, con la trimestrale di JP Morgan, la stagione degli utili a Wall Street.

Giovedì 14 aprile in primissimo piano la riunione della Bce, con le decisioni ufficiali previste alle 13:45. Seguirà, come di consueto, la conferenza della stampa della presidente Bce, Chrstine Lagarde. “L’attenzione sarà rivolta a intercettare dettagli sulla fine del QE e sugli equilibri che si stanno formando all’interno del Governing Council”, sottolineano da Mps Capital Services.

Sempre in ambito banche centrali, sono previste anche le decisioni dell’istituto centrale turco. Tra i dati da monitorare nel pomeriggio per gli Stati Uniti le vendite al dettaglio, le nuove richieste di sussidi alla disoccupazione e la fiducia dei consumatori dell”università del Michigan.

La settimana si chiude venerdì 15 aprile e tra i pochi dati in uscita c’è la produzione industriale statunitense. Da annotarsi la chiusura di diversi mercati per il Venerdì Santo.

Le trimestrali a Wall Street

Al via la stagione delle trimestrali a Wall Street, con le banche protagoniste. Si comincia mercoledì con i numeri di JPMorgan, mentre il giorno successivo, il 14 aprile, sono attesi i risultati di Citigroup, Goldman Sachs, Morgan Stanley, e Wells Fargo.